Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'motorsport'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Forum BMW Serie 1 e BMW Serie 2
    • Generale - Serie 1 / Serie 2
    • Novità e Notizie - Serie 1 / Serie 2
    • BMW Serie 1 F20, F21 / Serie 2 F22, F23, F45, F46 (2011 -> )
    • BMW Serie 1 E81, E82, E87, E88 (2004 - 2013)
  • Forum BMW X1 e BMW X2
    • Generale - X1 e X2
    • Novità, Notizie e Anticipazioni BMW X1 / BMW X2
    • BMW X1 F48 e X2 F39 (2015 -> )
    • BMW X1 E84 (2009 - 2015)
  • Forum Gruppo BMW (no 1 e 2)
    • BMW Group
    • Il Mondo dell'Auto
    • BMW Mobile Tradition (e Altre)
    • BMW Motorsport (e Altre)
  • Generale
    • Presentazioni
    • Avvistamenti
    • Vendo
    • Compro
    • Segnalazioni Ebay e simili
    • Partnership
    • Off Topic
    • Viaggi
  • Immagini e Documenti
    • Pictures
    • Foto e Video Ufficiali BMW Serie 1 - Serie 2 - X1 - X2
    • Cataloghi Accessori Ufficiali BMW Serie 1
    • Redirect al sito ufficiale di BMW Italia
    • FAQ e Glossario

Calendars

  • Calendario del BMW 1 e 2 Virtual Club

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Socio n.:

Found 19 results

  1. The new BMW M2 Competition. With the new BMW M2 Competition (combined fuel consumption with six-speed manual gearbox: 10,0 – 9,9 l/100 km; combined CO2 emissions: 228 – 225 g/km*; combined with optional M Double Clutch Transmission (M DCT): 9,2 l/100 km; combined CO2 emissions: 210 – 209 g/km)*, BMW M GmbH is setting fresh benchmarks in the compact high-performance sports car segment and adding marked refinement to the character of the BMW M2 Coupé. The new BMW M2 Competition (04/2018). The new BMW M2 Competition (04/2018). The new BMW M2 Competition (04/2018). New six-cylinder in-line engine with M TwinPower Turbo technology, based on the power unit from the BMW M3/M4, three-litre cubic capacity, 302 kW/410 HP, peak torque of 550 Nm (combined fuel consumption with six-speed manual gearbox: 10,0 – 9,9 l/100 km; combined CO2 emissions: 228 – 225 g/km*; combined with optional M Double Clutch Transmission (M DCT): 9,2 l/100 km; combined CO2 emissions: 210 – 209 g/km)*. Sprint from 0 to 100 km/h: 4.2 s (with six-speed manual gearbox 4.4 s), top speed: 250 km/h (limited), 280 km/h with M Driver´s Package (limited). High-precision CFRP strut and bulkhead strut for increased front section rigidity. New cooling system, including new front skirt and larger, redesigned BMW kidney in high-gloss black. New dual exhaust system with two electrically-controlled flaps. New, optional M Sport brakes with brake calipers painted grey. New optional M Sport bucket seat with integrated headrests and illuminated M2 badge at shoulder height. Selector switches for immediate access to various engine and steering characteristics, as well as DCT settings via Drivelogic. Exclusive new metallic Hockenheim Silver paint. The BMW M2 Competition replaces its predecessor, the BMW M2 Coupé.
  2. Fuori dalla macchina in meno di cinque secondi: Alessandro Zanardi è ben preparato in termini di sicurezza Alessandro Zanardi è molto ben preparato in termini di sicurezza in vista della sua partecipazione come ospite al DTM di Misano in programma il 25 e 26 agosto. Il pilota e ambasciatore BMW non avrà alcun problema ad uscire dalla vettura autonomamente nei tempi imposti dopo un eventuale incidente La gara di Misano sarà la prima che Alessandro Zanardi correrà senza le protesi alle gambe. La BMW M4 DTM è stata modificata per permettergli di frenare e accelerare usando le proprie mani. Alessandro Zanardi non ha riscontrato problemi di sicurezza nel guidare senza le protesi. In caso di incidente, il regolamento specifica precisamente in quanto tempo un pilota deve uscire fuori dalla macchina. “In caso di incidente, tutti i piloti del DTM devono essere in grado di uscire autonomamente dalla vettura. Il tempo non può essere maggiore di 5 secondi in caso di uscita dal lato guidatore e di 9 secondi dal lato passeggero, spiega Christian Schmidt, Delegato tecnico del DTM. Questo per assicurare – ad esempio – che nessuno debba aspettare assistenza esterna in caso di incendio a bordo, un test ufficiale verrà condotto nel fine settimana e Alex dovrà essere in grado di superarlo. Dopo questo test, niente impedirà ad Alex di gareggiare.” Zanardi si è allenato duramente per questo test e ha rispettato i tempi imposti. Indossando un casco e il sistema HANS, Zanardi ha bisogno di circa 4 secondi e mezzo per uscire dalla sua BMW M4 DTM. “Non sono affatto preoccupato di questo test” conferma Zanardi – “Sono sempre stato convinto che lo avrei superato facilmente.” Ci sono numerosi appoggi all’interno dell’abitacolo di un auto DTM che posso usare per uscire. Non oso dire di essere più veloce degli altri piloti del DTM, ma sicuramente non sono neanche il più lento.” Il fatto di n on usare più le protesi per Alex è un vantaggio. “Mi posso muovere molto più facilmente senza le protesi, con le quali correrei il rischio di incastrarmi da qualche parte.” Senza le protesi, Alex Zanardi è anche più agile fuori dalla vettura, per esempio nel caso in cui dovesse allontanarsi sulla ghiaia. In questo caso, Zanardi correrebbe solamente grazie al supporto delle proprie braccia, movimenti che risultano più semplici rispetto all’uso delle protesi. Zanardi è ben preparato per la gara, il delegato tecnico del DTM non ha dubbi a riguardo: “Tutti conosciamo Zanardi come un pilota incredibilmente entusiasta e con un’attenzione al dettaglio fuori dal comune, siamo sicuri che rispetterà tutte le condizioni necessarie per guidare una vettura DTM al limite, grazie agli aggiustamenti tecnici apportati alla vettura dovuti al suo handicap.” - enfatizza Schmidt.
  3. The new BMW M5 Competition. The new BMW M5 Competition (05/2018). The new BMW M5 Competition (05/2018). The new BMW M5 Competition (05/2018). The new BMW M5 Competition high-performance sedan (fuel consumption combined: 10.8 - 10.7 l/100 km; CO2 emissions combined: 246 – 243 g/km)* brings together exceptional performance and a suitably rarefied aura with the unruffled ease in everyday use for which BMW M models are renowned. A 19 kW/25 hp hike in engine output over the standard version of the new BMW M5 (to 460 kW/625 hp), even more direct responses and bespoke chassis tuning ensure a race-inspired driving experience at all times. The market launch of the new BMW M5 Competition heralds the creation of a new product category. In future, BMW M GmbH will offer the most powerful variants of its high-performance cars as standalone models. The engine: more power and a distinctive brand of performance. The performance-driving experience that defines the character of the new BMW M5 Competition has a deep emotional richness – and is rooted in the distinctive way its engine goes about its business. The 4.4-litre V8 unit with M TwinPower Turbo technology now produces maximum output of 460 kW/625 hp at 6,000 rpm. Peak torque is 750 Newton metres (553 lb-ft) and can be enjoyed across an extremely wide rev range – from 1,800 to 5,800 rpm (i.e. a 200-rpm wider band than in the standard version of the new BMW M5). The high-revving instincts of the eight-cylinder engine are therefore harnessed to give the new BMW M5 Competition imposing levels of thrust. The car’s unique power delivery makes its presence felt in reducing the Competition’s 0 to 100 km/h (62 mph) time to 3.3 seconds. Furthermore, 0 – 200 km/h (124 mph) is over in 10.8 seconds – 0.3 seconds quicker than in the standard version of the new M5. Standard specification for the new BMW M5 Competition includes a model-specific M Sport exhaust system with tailpipe embellishers in black chrome. This version of the twin-pipe, flap-controlled exhaust generates a strikingly prominent soundtrack. Meanwhile, the addition of a particulate filter to the Competition’s armoury enables a further reduction in emissions. Specially designed engine mounts optimise responsiveness and cornering characteristics. The new BMW M5 Competition features model-specific engine mounting, which also has a noticeable impact on its performance abilities. The engine mounts have modified characteristics and an increased spring rate, and the drive unit’s firmer connection to the vehicle’s structure results in even more direct engine response and immediate transmission of its power to the drivetrain. The car also turns into corners with noticeably greater directness and precision on account of the mounting’s stiffer characteristics. Eight-speed M Steptronic transmission and M xDrive. The task of relaying the new BMW M5 Competition’s engine power is again handled by the eight-speed M Steptronic transmission. Three different modes offering a choice of efficient, sporty or ultra-dynamic driving can be activated using the Drivelogic rocker switch on the gear selector. Having made its debut in the standard version of the new BMW M5, the M xDrive all-wheel-drive system now also feeds the further increased power of the BMW M5 Competition onto the road with poise, assurance and thrilling alacrity. It generates just enough extra traction to achieve acceleration times worthy of a super-sports car. The centrally controlled interaction between M xDrive and the Active M Differential is largely responsible for channelling the engine’s remarkable output to the car’s wheels without any loss of power en route. The rear-biased setup of the M xDrive system is another contributory factor in the tremendous agility of the high-performance sedan. Plus, a rear-wheel-drive-only setting (2WD) allows experienced and skilled drivers to revel in the experience offered by past generations of the BMW M5 – i.e. handling in its purest form, with no control systems holding the car back. Individually tuned chassis for the ultimate in precision and performance. Like every BMW M car, the new BMW M5 Competition is equipped with chassis technology matched perfectly to the performance characteristics of its engine. The associated modifications ensure precisely controllable handling at all times, even in extremely dynamic driving situations. As well as lowering the vehicle by seven millimetres, the model-specific chassis tuning also includes judicious tweaks to the wheel suspension, springs and dampers. The increased camber at the front axle enhances the car’s ability to absorb lateral forces through high-speed corners. Fitting the toe links with ball joints instead of rubber mounts has resulted in even more precise wheel guidance at the rear axle. And the rear anti-roll bar also has a firmer spring rate. The front axle of the new BMW M5 Competition is equipped with a newly designed mounting for the anti-roll bar. Making the springs at the front and rear axles ten per cent stiffer than on the standard version of the new BMW M5 has produced a firmer ride, which also has a positive impact on steering response. Plus, shorter auxiliary springs reduce fluctuation in wheel loads, as does the unique tuning of the damper hydraulics. Consequently, the direct connection with the chassis can also be clearly felt in Comfort mode. Selecting Sport mode activates the damper settings perfected for testing on the Nürburgring’s Nordschleife circuit, while Sport Plus lends itself to ultra-dynamic driving on grand prix tracks. Standard specification for the new BMW M5 Competition includes exclusive M light-alloy wheels sporting a Y-spoke design in a bi-colour finish. The 20-inch forged wheels are shod with mixed-size tyres measuring 275/35 R 20 at the front and 285/35 R 20 at the rear. Exclusive and highly expressive design features. The exclusive feel of the new BMW M5 Competition is further enhanced by a selection of other model-specific design features. BMW Individual high-gloss Shadow Line trim is complemented by the use of discreetly sporty high-gloss black for the kidney grille surround, the decorative mesh of the signature BMW M gills in the front side panels, the trim for the rear bumper covering and the exterior mirror caps. Another special feature are the door openers, which are painted fully in the body colour. The rear spoiler and “M5” boot lid badge – which gains “Competition” lettering – also come in high-gloss black. Inside the car, an understated stripe design in BMW M GmbH colours for the seat belts, plus floor mats with special piping and “M5” logo, point to the exclusive character of the new BMW M5 Competition. A further identifying feature is the “M Competition” graphic that appears in the instrument cluster to greet the driver when it is starting up.
  4. Attractive six-pack: Car designs for the six BMW M4 DTMs have been confirmed for the 2018 season. After BMW Motorsport presented Marco Wittmann’s (GER) BMW Driving Experience M4 DTM at the DTM test at Vallelunga (ITA), the designs of the other five cars have now also been confirmed for the 2018 season. As different as they look, the six BMW M4 DTM have one thing in common: the overarching elements of the new BMW M Motorsport design are striking in all liveries. Munich. After BMW Motorsport presented Marco Wittmann’s (GER) BMW Driving Experience M4 DTM at the DTM test at Vallelunga (ITA), the designs of the other five cars have now also been confirmed for the 2018 season. As different as they look, the six BMW M4 DTM have one thing in common: the overarching elements of the new BMW M Motorsport design are striking in all liveries. The modern, dynamic look was implemented individually for each BMW M4 DTM and customised to suit the car. The matt black element on the driver’s side of the bonnet and the v-shaped transition to the rear make for a unique recognition value. Long-standing BMW Motorsport partners remain part of the DTM project in the 2018 season. Bruno Spengler (CAN) will take to the track once again with the number 7 BMW Bank M4 DTM. Brazil’s Augusto Farfus will return to the wheel of the number 15 Shell BMW M4 DTM. Timo Glock (GER) will contest the upcoming season in the number 16 DEUTSCHE POST BMW M4 DTM once again. Philipp Eng (AUT) will contest his rookie DTM season in the number 25 SAMSUNG BMW M4 DTM. The sixth BMW M4 DTM in the squad, driven by BMW DTM newcomer Joel Eriksson (SWE/car number 47), will bear the Puma and BMW LIFESTYLE logos. In addition, other partners and suppliers will continue their involvement in the BMW Motorsport DTM team for the upcoming season. This includes the Official Partners Amplus, Akrapovič, BMW M Performance Parts, H&R, MAHLE, ZF and Zollner. In addition, Oakley joins Puma as an Official Supplier. The 2018 season gets underway with the first races on 5th and 6th May at Hockenheim (GER). There will be a total of ten race events, with the season ending in mid-October, also at Hockenheim. The DTM will also be in action at the Lausitzring (GER), Budapest (HUN), the Norisring (GER), Zandvoort (NED), Brands Hatch (GBR), Misano (ITA), the Nürburgring (GER) and Spielberg (AUT) this year. An overview of the BMW DTM squad for 2018: #7 Bruno Spengler (CAN), BMW Team RBM, BMW Bank M4 DTM #11 Marco Wittmann (GER), BMW Team RMG, BMW Driving Experience M4 DTM #15 Augusto Farfus (BRA), BMW Team RMG, Shell BMW M4 DTM #16 Timo Glock (GER), BMW Team RMG (RMR), DEUTSCHE POST BMW M4 DTM #25 Philipp Eng (AUT), BMW Team RBM (RMR), SAMSUNG BMW M4 DTM #47 Joel Eriksson (SWE), BMW Team RBM, BMW M4 DTM
  5. Dr. Pianale

    La nuova BMW M3 CS F80

    The new BMW M3 CS. BMW M GmbH is presenting another exclusive, limited-run special-edition model in the shape of the new BMW M3 CS (fuel consumption combined: 8.3 l/100 km [34.0 mpg imp]*; CO2 emissions combined: 194 g/km*). BMW M GmbH is presenting another exclusive, limited-run special-edition model in the shape of the new BMW M3 CS (fuel consumption combined: 8.3 l/100 km [34.0 mpg imp]*; CO2 emissions combined: 194 g/km*). With its accentuated sporting presence, the new M3 CS continues the decades-long tradition of successful M special editions which began in 1988 with the E30 BMW M3 Evolution. At the same time, the four-door high-performance sedan serves up a perfect blend of dynamism and everyday practicality. The 3.0-litre high-performance engine exceeds the output of the M3 with Competition Package by 10 horsepower, raising it to 460 hp. State-of-the-art M TwinPower Turbo technology propels the M3 CS from 0 to 100 km/h (62 mph) in just 3.9 seconds. The top speed of the new special edition, which comes as standard with the M Driver’s Package, is electronically limited to 280 km/h (174 mph). With its two mono-scroll turbochargers, charge air cooler, High Precision Injection, VALVETRONIC variable valve timing and Double-VANOS fully variable camshaft timing, the six-cylinder in-line engine takes a clear and consistent aim at the higher echelons of performance, but is equally committed to developing significant torque from low engine speeds and achieving high levels of efficiency (fuel consumption combined: 8.3 l/100 km [34.0 mpg imp]*; CO2 emissions combined: 194 g/km*). Pushing the new red start/stop button fires up the engine, and the distinctive sound produced by the specially tuned sports exhaust system of the new BMW M3 CS – with its quartet of tailpipes – proceeds to lay on a feast for the ears. The new BMW M3 CS is equipped as standard with the seven-speed M Double Clutch Transmission (M DCT) with Drivelogic. This cutting-edge transmission has a separate oil cooler and enables both automated gear changes and manual interventions using the shift paddles on the steering wheel. It changes gears in fractions of a second with no interruption in the flow of power, but employs a long seventh gear to keep revs low and minimise fuel consumption over longer motorway journeys. The suspension of the new BMW M3 CS largely mirrors that of the M3 with Competition Package. The links and wheel carriers at both the front and rear axles are made from forged aluminium and are therefore extremely light. That keeps the unsprung masses low and benefits driving dynamics. The M3 CS is fitted as standard with Adaptive M suspension, whose geometry has been tuned to deliver optimised performance on both the road and track. Ensuring the best possible grip in all driving conditions are the DSC (Dynamic Stability Control) system – which includes M Dynamic Mode – and the Active M Differential. The control systems for the Adaptive M suspension, DSC and Active M Differential have been modified to suit the dynamic requirements of the BMW M3 CS, as has the set-up of the electromechanical steering. The driver has the option of adjusting the steering and suspension settings to their personal preferences or the demands of the route at hand. The special edition’s light-alloy wheels (front: 9 J x 19, rear: 10 J x 20) are very much at home on the race track, fitted as they are (as standard) with Michelin Pilot Sport Cup 2 tyres (front: 265/35 R 19, rear: 285/30 R 20). These semi-slick cup tyres, which are also road-legal, provide unbeatable grip and supreme lateral stability at high track speeds. The M3 CS can also be ordered with Michelin Sport road tyres. Moving inside the new BMW M3 CS, the generous use of two-tone full leather in Silverstone/Black and Alcantara creates a compelling and well-resolved ambience brimming with sporting allure and undeniable class. No M3 CS driver will need to compromise on the nicer things in life. Indeed, among the standard features on board are automatic climate control, a Harman Kardon surround sound system and the Navigation system Professional. True to form, the BMW M GmbH designers have given the new M3 CS looks that reflect the car’s sporting intent. The signature feature of its prominent front end, complete with cutting-edge twin LED headlights, is the front apron with large, three-section air intakes. The Gurney spoiler lip on the boot lid has been newly designed specifically for the new M3 CS, and teams up with the front splitter and the rear diffuser to help minimise dynamic lift. These components are made from the lightweight and extremely rigid high-tech material carbon fibre-reinforced plastic (CFRP), as are the bonnet and roof of the new BMW M3 CS. Orders for the new BMW M3 CS can be placed from January 2018. The special-edition model – which will be limited to a run of approximately 1,200 units due to production factors – will be built from March 2018. * Fuel consumption and CO2 figures are provisional, based on the EU test cycle and may vary depending on the tyre format specified.
  6. CDO Chris Harris di Top Gear le ha provate insieme e al link c'è il video.... http://www.topgear.com/videos/chris-harris-drives/chris-harris-drives-bmw-m2-vs-bmw-1m-coupe
  7. BMW M, addio a cambi manuali e doppia frizione http://www.omniauto.it/magazine/45553/bmw-addio-cambi-manuali-e-doppia-frizione Le nuove trasmissioni con convertitore hanno ridotto lo svantaggio anche sulle sportive A ottobre 2016 suscitarono gran baccano le parole di Michael Hugo Leiters, direttore tecnico alla Ferrari, che decretò la fine del cambio manuale sulle auto del Cavallino in favore di quello automatico a doppia frizione. Non per altro la California è stata l’ultima vettura di Maranello disponibile con i tre pedali, soluzione bocciata a livello di vendite e in termini di sportività: i cambi a doppia frizione sono più veloci e meno impegnativi rispetto a quelli manuali, che di contro offrono sensazioni di guida più coinvolgenti. Un’interpretazione ancora diversa arriva da Peter Quintus, vice-presidente della sezione vendite al reparto sportivo della BMW, la BMW M, che vede un ritorno dei tradizionali automatici a convertitore di coppia. Quintus ha parlato dell’argomento con il sito The Drive, chiedendo in maniera retorica fino a quanto dureranno i doppia frizione. “Stiamo vedendo cambi automatici a 9 o 10 rapporti, quindi c’è un sacco di tecnologia nelle trasmissioni più moderne – le sue parole –. I doppia frizione hanno due vantaggi: pesano poco ed i tempi di cambiata sono inferiori. Ora però quest’ultimo beneficio si è ridotto”. Il manager lascia intendere che molte sportive di nuova generazione saranno dotate di un cambio automatico convenzionale, ritenuto più valido di quelli a doppia frizione, oggi utilizzati su alcune fra le coupé più veloci e blasonate oggi in vendita: lo montano ad esempio le Ferrari 812 Su-perfast, McLaren 720S e Porsche 911 GT3. Oltre alle BMW M3 e M4. Che vanno in contro a una piccola rivoluzione: Quintus ha detto di non aspettarsi più il cambio manuale sui nuovi modelli.
  8. Ciao a tutti Vi lascio a un pò di possibili rendering della futura M2 presi da: http://www.2addicts.com/forums/showthread.php?t=907562
  9. Dr. Pianale

    Le straordinarie BMW M3 mai nate

    BMW ha pubblicato delle foto e un video delle BMW M3 mai nate Dalla M3 E46 Touring, alla M3 Compact E36 e le due M3 E30 e E92 PickUp
  10. BMW M2 next to the M4 for a photoshoot http://www.bmwblog.com/2016/04/07/bmw-m2-next-m4-photoshoot/
  11. Dr. Pianale

    Bmw M3 E92 Film

  12. Dr. Pianale

    Bmw M3 E46 Film

  13. Dr. Pianale

    Bmw M3 E36 Film

  14. Dr. Pianale

    Bmw M Drifta All’Eicma

    BMW M drifta all’EICMA La passione del motociclista la si ritrova negli amanti delle auto più sportive ed emozionanti, per questo motivo la gamma BMW M era presente in forze al Salone Internazionale del Ciclo e Motociclo EICMA svoltosi a Milano dal 19 al 22 novembre 2015. Oltre all’esposizione della BMW M3 all’ingresso della porta EST, delle BMW M4 Coupé e Cabrio nella zona centrale dell’esposizione era presente anche la BMW M6 Gran Coupé allestita con vernice speciale BMW Individual Frozen Grey e Competition Package da 600 CV e 700 Nm di coppia. Inoltre, sulla pista MotoLive le nuove BMW X5 ed X6 M, le ultime nate in gamma BMW M hanno fatto da contorno alle competizioni in fuoristrada delle moto e la BMW M4 con livrea ufficiale BMW Driving Experience Powered by BMW M, guidata da un istruttore della BMW Driving Experience ha fatto un’esibizione di drifting su terra sulla pista di Flat Track prima delle premiazioni delle finali di supercross e apripista alle finali di Flat Track. La supersportiva era dotata del sistema di scarico BMW M Performance e altri accessori BMW M Performance. Il maggior coinvolgimento di pubblico è sicuramente avvenuto nell’area esterna BMW Drifting Arena, dove i piloti della BMW Driving Experience a bordo di quattro BMW M235i Coupé hanno accompagnato più di 2.600 appassionati in un tracciato di drifting. Le BMW M235i Coupé erano dotate del differenziale autobloccante BMW M Performance. Le vetture in esposizione hanno permesso di registrare più di 900 contatti, mentre le attività della BMW Drifting Arena più di 2.600, con il picco massimo nel fine settimana, raddoppiando le prove dello scorso anno e raggiungendo una percentuale di conquista superiore al 90%. BMW M Performance Gli accessori della gamma BMW M Performance sono concepiti specificatamente per i singoli modelli BMW innovativa di BMW M GmbH. Grazie alla grande competenza dell’azienda, i clienti possono essere certi che le componenti in aftermarket si adattino precisamente al carattere e alle qualità dei singoli modelli. Essi soddisfano anche gli standard di qualità senza compromessi del BMW Group in termini di scelta dei materiali, di design e di qualità della lavorazione. Tutti i e sono stati sviluppati sfruttando decenni di esperienza in gara e la forza prodotti appartengono alla gamma di accessori BMW Original. Quando vengono montati in aftermarket, non compromettono in nessun modo i termini della garanzia per il veicolo in questione. Di seguito alcuni esempi degli accessori montati sulla BMW M4 con livrea Driving Experience Powered by BMW M presente all’EICMA. Sistema di scarico BMW M Performance: suono ancora più sportivo, con minor peso La costruzione leggera dell’impianto di scarico combina l’acciaio per dei condotti di scarico al titanio del silenziatore e riporta la scritta “M Performance” nella parte posteriore. I terminali di scarico BMW M Performance sono, inoltre, realizzati in fibra di carbonio e riportano il logo M logo. Il sistema di scarico BMW M Performance dispone di due livelli di regolazione delle caratteristiche acustiche, collegate al tasto di regolazione della dinamica di marcia. Volante M Performance con Display da gara per le BMW M3 e M4 Il volante BMW M Performance, rivestito in Alcantara, con finiture in carbonio e display da gara, fa la sua parte per assicurare che le BMW M3 e M4 consentano un’esperienza di guida particolarmente avvincente. Le finiture verniciate del volante in carbonio portano la scritta “M Performance”. Il rivestimento in Alcantara della corona del volante presenta cuciture nei tre colori BMW M. Inoltre, i poggia pollici incorporano un paio di pulsanti utilizzati per attivare le modalità Efficient Dynamics, Sport e Race. Il guidatore può utilizzare il display integrato nella parte alta della corona del volante per controllare, tra l’altro, le cambiate e i valori di accelerazione laterale/longitudinale. La modalità Sport consente al guidatore di accedere alla funzione cronometro con display per ore, minuti e secondi. Vengono visualizzati anche i valori di accelerazione laterale/longitudinale. Durante le sessioni di prove in pista, la modalità Race permette di visualizzare e memorizzare i tempi sul giro in minuti, secondi e centesimi di secondo. Possono anche essere memorizzati le velocità massime e i valori di massima accelerazione laterale/longitudinale per gli ultimi 50 giri completati. Inoltre, calandra e fregi laterali nero lucidi M Performance, diffusore posteriore e calotte retrovisori esterni in carbonio e M Driver’s Package per velocità massima alzata a 280 km/h
  15. La nuova BMW M4 GTS Con la BMW M4 GTS, BMW M GmbH presenta una nuova ed esclusiva piattaforma tecnologica che aumenta ulteriormente, in modo impressionante, il potenziale della BMW M4 Coupé. Avvolta in un look atletico, con forte impronta del motorsport e ricca di tecnologia high-performance, la BMW M4 GTS punta chiaramente sulla guida sul circuito 7:28 minuti per il giro sulla leggendaria Nürburgring-Nordschleife, il circuito più impegnativo del mondo, è uno statement indiscutibile della straordinaria performance offerta dall’edizione speciale. Analogamente a tutti i modelli BMW M, anche la più performante BMW M4 include la possibilità della guida stradale. In occasione del 30° compleanno della BMW M3, prodotta a partire dal 1986, la BMW M GmbH costruisce la BMW M4 GTS in un’edizione limitata a 700 esemplari, sottolineando così il potere innovativo degli ingegneri BMW M nei principali campi tecnologici, cioè propulsione, assetto e utilizzo dei materiali leggeri. La BMW M4 GTS è la prima edizione speciale high-performance della Serie M3/M4 a essere disponibile anche nell’importante mercato nordamericano. “Edizioni speciali come la BMW M3 GT, la BMW M3 CSL, la BMW M3 GTS, la BMW M3 CRT e adesso anche la BMW M4, vantano una tradizione decennale nella nostra classe automobilistica media. Questi modelli affilano il carattere del marchio BMW M e simbolizzano un’esperienza di guida altamente emozionante ed esclusiva. Nella sua qualità di vettura sportiva destinata al circuito, la BMW M4 GTS è tarata per regalare la massima dinamica di guida e una performance entusiasmante. Con questo modello dimostriamo le possibilità che offre oggi una vettura omologabile per la guida stradale. La BMW M4 GTS permette di recarsi privatamente a correre su circuiti, per esempio in occasione di eventi di Clubsport, come Spa-Francorchamps, il Nürburgring oppure Laguna Seca e di marcare dei lap time che eleveranno notevolmente il parametro di riferimento delle vetture con omologazione stradale”, afferma Frank van Meel, presidente dell’amministrazione di BMW M GmbH. Aumento della potenza grazie all’innovativa tecnica d’iniezione d‘acqua Il motore è il cuore di ogni modello BMW M. Nella BMW M4 GTS viene montato il pluripremiato motore turbo sei cilindri in linea dalla cilindrata di 3.000 cc della BMW M3/M4, integrato dall’innovativa tecnica d’iniezione d’acqua che ne aumenta notevolmente la potenza. Il sistema d’iniezione d’acqua incrementa significativamente la potenza del motore, elevandola a 368 kW/500 CV, nonché la coppia a 600 Nm. Con valori di 8,3 litri* di carburante per 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 194 g/km*, nonostante la maggiore potenza, i valori misurati corrispondono al basso livello della BMW M4 Coupé. La BMW M4 GTS risulta essere così il modello più agile, radicale e dinamico della Serie, raggiunge nell’accelerazione da fermo i 100 km/h già dopo 3,8 secondi e tocca la velocità massima di 305 km/h (limitata). Lightweight design anche nei dettagli Grazie al lightweight design, gli ingegneri BMW M sono riusciti a contenere il peso a vuoto DIN a 1.510 chilogrammi, peso a vuoto ECE 1.585 chilogrammi. L’eccellente rapporto peso/potenza di 3,0 kg/CV offre le premesse perfette per un’esperienza di guida altamente dinamica. Gli interventi di riduzione coerente del peso hanno interessato sia gli interni che la struttura esterna. Nell’abitacolo i sedili sono in carbonio, la consolle centrale in lightweight design, analogamente al rivestimento della zona del divanetto posteriore con paratia che separa il bagagliaio, i pannelli interni delle porte e delle sezioni laterali sono a peso alleggerito, inclusi i nastri di chiusura delle porte che hanno sostituito le massicce maniglie – dunque numerosi elementi visibili di risparmio coerente del peso. Ma la coerenza con la quale è stato applicato il lightweight design si manifesta anche nei dettagli non visibili. Il tubo di supporto della plancia portastrumenti è realizzato in leggero carbonio. All’esterno, il cofano motore è stato disegnato ex novo, il tetto e lo splitter anteriore regolabile sono costruiti in materiale sintetico rinforzato in fibra di carbonio (CFRP). Ma anche l’alettone posteriore regolabile viene prodotto nel leggero materiale high-tech dall’elevata resistenza. L’alettone poggia su filigranati elementi di supporto in alluminio, montati sul cofano posteriore in materiale sintetico rinforzato in fibra di carbonio che confermano nuovamente come anche il più piccolo componente possa contribuire al risparmio di peso. In combinazione con il diffusore inserito sotto il paraurti posteriore, realizzato anch’esso in carbonio, l’alettone posteriore migliora il flusso dell’aria, riducendo la portanza sull’asse posteriore. L’impianto di scarico è dotato di un terminale in titanio che permette di risparmiare il 20 per cento di peso rispetto alla costruzione tradizionale. Il sound dalle tipiche caratteristiche M, profondamente emozionante, assicura l’atmosfera da circuito sia all’interno della vettura che all’esterno. Equipaggiamenti per la massima performance Il cambio a doppia frizione M a sette rapporti (M DKG) seleziona il rapporto ottimale per ogni situazione di guida, trasmettendo la potenza alle ruote posteriori. Qualora necessario, il guidatore può inserire le marce anche attraverso i paddles del volante oppure il selettore di marcia. I programmi di cambiata Drivelogic e Launch Control sono stati adattati alla potenza superiore del motore. I cerchi in lega M a peso ottimizzato nell’esclusivo styling dei raggi a stella 666 M in acid orange sono fucinati e lucidati tramite tornitura. I cerchi montano degli pneumatici tarati appositamente per la BMW M4 GTS del tipo Michelin Pilot Sport Cup 2, quelli anteriori dalla misura 265/35 R19 e quelli posteriori 285/30 R20 e contribuiscono all’eccellente trazione meccanica e al feedback puntuale in curva. L’assetto M regolabile a 3 livelli con settaggio specifico per la BMW M4 GTS è configurabile secondo le preferenze personali, dunque adattabile alle particolarità dei differenti circuiti. Il leggero freno carboceramico M offre un punto di pressione definito con la massima precisione e garantisce degli eccellenti valori di decelerazione anche quando è soggetto a elevata sollecitazione permanente, come nella guida sportiva nel campo limite sul circuito. Esclusività mondiale: tecnica OLED, brillante luce LED Alla migliore illuminazione della strada provvedono i due caratteristici doppi fari circolari con quattro anelli luminosi. I proiettori combinano la moderna tecnica LED (LED = Light-Emitting Diode) con BMW Selective Beam (High Beam Assistant non abbagliante) e con Adaptive Light Control. Anche la configurazione a L delle luci posteriori è caratteristica, analogamente al design delle luci della sezione anteriore. La BMW M4 GTS è la prima automobile di serie su scala mondiale a essere dotata in esclusiva delle innovative luci posteriori in tecnologia OLED. A differenza dell’emissione puntuale di luce delle unità LED, gli OLED (OLED = Organic Light-Emitting Diode) sono delle innovative sorgenti luminose che emettono una luce assolutamente uniforme ed omogenea. L’altezza bassa di solo 1,4 millimetri e la possibilità di controllare separatamente i singoli moduli luminosi offre delle libertà completamente nuove di scenografie luminose e trasmette una sensazione di altissima precisione. Le luci posteriori sottolineano così la larghezza della coda, donano alla vettura una personalità ancora più marcata e atletica, rendendola inconfondibile sia di giorno che di notte. Interni: focalizzati, esclusivi e dedicati alle corse Negli interni dal design purista ed esclusivo, i sedili anatomici M di guidatore e passeggero, realizzati in carbonio, portano avanti con coerenza il tema lightweight design. Rispetto ai sedili sportivi della BMW M4 Coupé pesano circa il 50 per cento in meno. Contemporaneamente, essi offrono la posizione di seduta ideale e il sostegno perfetto per un affidabile comfort sulle lunghe distanze. Gli esclusivi rivestimenti dei sedili in Alcantara e pelle Merino, ulteriormente impreziositi dalle strisce M negli schienali dei sedili, nelle cinture di sicurezza a tre punti e nei nastri di chiusura delle porte, accentuano l’orientamento della vettura sportiva high-performance e il carattere straordinario della BMW M4 GTS. Per motivi di omologazione, nel mercato nordamericano la BMW M4 GTS sarà equipaggiata con un sedile sportivo M speciale, dalla forma a guscio, e uno schienale perforato a peso ottimizzato. L’esclusivo materiale del rivestimento, l’Alcantara, è stato utilizzato anche per il volante sportivo M con marcatura delle “ore 12” che accentua ulteriormente il carattere sportivo della BMW M4 GTS. Al posto della struttura del divanetto posteriore la BMW M4 GTS è dotata di una soluzione portaoggetti in fibra di vetro termoplastica combinata con una paratia in struttura a sandwich in materiale sintetico rinforzato in fibra di carbonio (CFRP), entrambi rivestiti in Alcantara. Il risparmio di peso è del 40 per cento circa. L’optional pacchetto Clubsport permette di configurare la BMW M4 GTS per il mondo delle corse con una coerenza nuovamente incrementata. Il pacchetto comprende una roll-bar dietro i sedili anteriori in acid orange, cinture a sei punti adatte alle corse** e un estintore. Ulteriori informazioni relative al consumo ufficiale di carburante, alle emissioni ufficiali di CO2, al consumo di corrente elettrica di autovetture nuove sono descritte nel “Leitfaden über Kraftstoffverbrauch, die CO2-Emissionen e den Stromverbrauch neuer Personenkraftwagen”disponibile gratuitamente in lingua tedesca in tutti i punti di vendita della Deutsche Automobil Treuhand GmbH (DAT), Hellmuth-Hirth-Str. 1,73760 Ostfildern-Scharnhausen e sul sito http://www.dat.de/en/offers/publications/guideline-for-fuel-consumption.html. LeitfadenCO2 (Manuale CO2) (PDF ‒2,7 MB). * Valori di consumo rilevati in base al ciclo di prova UE, variabili in base alla misura dei pneumatici selezionata. ** Non disponibili nella versione USA. La nuova BMW M4 GTS
  16. Ecco la BMW M235i Racing, pronta ad allinearsi in gara Team privati e piloti potranno correre il BMW Sport Trophy http://www.ansa.it/motori/notizie/rubriche/prove/2013/11/28/Ecco-BMW-M235i-Racing-pronta-allinearsi-gara_9696410.html?idPhoto=3 Bmw amplia la gamma di vetture del 'programma competizioni' per i Clienti BMW Sport Trophy, e annuncia che dal 2014 i team privati e i piloti potranno allinearsi agli eventi con la nuova BMW M235i Racing, venduta al prezzo di 59.500 Euro (IVA esclusa). I dati relativi alle prestazioni dimostrano che la nuova coupé da corsa, derivata dalla vettura di produzione, sarà in grado di soddisfare i requisiti necessari a farne un'auto da corsa entry-level di successo. Il programma della BMW è quello di utilizzare la BMW M235i Racing in eventi come il Campionato Endurance VLN e la 24 Ore sul circuito del Nuerburgring Nordschleife. Guardando al futuro, la BMW M235i Racing potrebbe diventare un veicolo di successo con cui i piloti BMW Sport Trophy potrebbero mettersi in luce sui palcoscenici internazionali. ''La base dalla quale gli ingegneri hanno dovuto iniziare lo sviluppo della versione da competizione per la BMW M235i Racing era comunque buono'' ha detto Jens Marquardt, direttore della BMW Motorsport ''I modelli di produzione delle automobili BMW M Performance hanno già prestazioni straordinariamente sportive. Per questo motivo non è stato necessario ricorrere a molte modifiche per ottenere una BMW M235i Coupé pronta a funzionare come un'auto da competizione''. I geni sono facilmente riconoscibili già dalla versione di serie della BMW M235i Coupé, con il disegno del corpo vettura aerodinamicamente ottimale. Già di suo la vettura è equipaggiata con il più potente motore a benzina sviluppato finora per un'automobile BMW M Performance. Il motore è un 6 cilindri in linea con tecnologia M Performance TwinPower Turbo. Ha una cilindrata di 2.979 cc ed eroga nella versione corsa 333Cv. La vettura è inoltre equipaggiata con aiuti alla guida, specifici per il Motorspor, come ABS, DSC e controllo della trazione. Sistemi che garantiscono, anche ai piloti con minore esperienza nel Motorsport, la possibilità di gestire la BMW M235i Racing in piena sicurezza. La vettura è disponibile anche con il differenziale autobloccante meccanico, disponibile per la BMW M235i Coupé nella gamma originale dei Ricambi BMW. La vettura da corsa è dotato anche di equipaggiamenti dedicati, come la cellula di sicurezza certificata-FIA e l'avanzato serbatoio antincendio. Oltre ai componenti elencati sono disponibili gli accessori della gamma BMW M Performance Parts come gli spoiler anteriore e posteriore, il diffusore posteriore e gli specchietti laterali in carbonio.
  17. Joan “Nani” Roma vince il Rally Dakar 2014. Tre auto MINI ALL4 Racing sul podio. Ce l’ha fatta! Joan “Nani” Roma (ES), nella MINI ALL4 Racing gialla, ha vinto il Rally Dakar 2014. Il pilota del Team Monster Energy X-raid ha terminato la sfida rallistica più dura del mondo con un vantaggio di appena 5’32” rispetto al suo compagno di squadra Stéphane Peterhansel (FR) a bordo della sua MINI ALL4 Racing nera. Nasser Al-Attiyah (QT), nella MINI ALL4 Racing di colore principalmente bianco, ha terminato in terza posizione. Il podio è stato dominato dalle auto MINI che hanno confermato ancora una volta di essere affidabili e veloci lungo tutto lo svolgimento del rally. È stata la prima vittoria per Nani Roma in auto al Rally Dakar. Il pilota spagnolo aveva già vinto l’evento su una moto quando il rally si svolgeva ancora in Nord Africa nel 2004. “Sono così sollevato e felice”, ha detto Roma. “E stato il mio grande obiettivo quello di vincere il Dakar, non soltanto su una moto, ma anche al volante di un’auto. Un sogno che per me è diventato realtà e voglio ringraziare tutti i componenti del Team X-raid e la MINI per il loro grande lavoro”. Roma, che è stato al comando della classifica generale nell’evento di quest’anno per nove giorni vincendo in totale due tappe, ha così continuato: “La MINI ALL4 Racing è un’auto brillante ed è stata estremamente affidabile e veloce durante l’intero rally. E stata anche divertente da guidare. Devo ringraziare anche il mio co-pilota, Michel Périn, che è stato un grande navigatore. Uno splendido risultato per MINI. Ora è il momento di festeggiare!”. Il Rally Dakar 2014 è stato uno dei più duri di sempre. Il percorso lungo 9.374 km, portava da Rosario (AR) attraverso le Ande ed il difficilissimo deserto di Atacama fino a Valparaíso (CL) sulla costa del Pacifico. I piloti hanno dovuto affrontare diverse condizioni meteo e fondi stradali: ghiaia sulle Ande e sabbia estremamente fina nel caldissimo deserto di Atacama. MINI ha gestito tutte le sfide ed ha vinto 11 delle 13 tappe. È stata la terza vittoria di fila da quando la MINI ha fatto il suo debutto al Rally Dakar nel 2011. La grande affidabilità della MINI ALL4 Racing, che è basata sulla MINI John Cooper Works Countryman, è stata messa in evidenza dal fatto che tutte e undici le vettura partite nel rally hanno terminato la gara a Valparaíso. Sette di esse sono finite nelle prime dieci posizioni, comprese quelle del Team Monster Energy X-raid di Orlando Terranova/Paulo Fiúza (AR/PT), che hanno terminato la gara al 5° posto assoluto, e quella di Krzysztof Holowczyc/Konstantin Zhiltsov (PL/RU), che hanno tagliato il traguardo in sesta posizione assoluta. MINI al Rally di Dakar 2014 Un totale di undici MINI ALL4 Racing hanno partecipato al Rally Dakar 2014. Tutte sono basate sulla MINI John Cooper Works Countryman, modificata dal Team X-raid sostenuto dalla fabbrica per affrontare le condizioni severissime del Rally Dakar, che rappresenta la prova massima dello sport motoristico fuoristradistico di oggi. Con un insieme di potenza, affidabilità ed efficienza, la MINI ALL4 Racing ha dimostrato la sua competitività fin dalla sua prima partecipazione al Dakar nel 2011, al contempo entusiasmando i fan già dalla partenza. Soltanto alla sua seconda partecipazione in questa competizione, la MINI ALL4 Racing ha centrato il suo obiettivo, vincendo il Rally Dakar 2012. Nel 2013, il marchio MINI ha dimostrato che il suo successo nel Dakar non era casuale, difendendo il suo titolo al primo tentativo. Quest’anno, il Team X-raid ed il marchio MINI hanno ottenuto la loro terza vittoria consecutiva nel Rally Dakar 2014 terminato a Valparaíso (Cile) il 18 gennaio. Schieramento piloti MINI nel Rally di Dakar 2014 N° 300 MINI ALL4 Racing. Monster Energy X-raid Team Stéphane Peterhansel/Jean-Paul Cottret (FR/FR) N° 301 MINI ALL4 Racing. X-raid Team Nasser Al-Attiyah/Lucas Cruz (QT/ES) N° 304 MINI ALL4 Racing. Monster Energy X-raid Team Joan “Nani” Roma/Michel Périn (ES/FR) N° 307 MINI All4 Racing. Monster Energy X-raid Team Orlando Terranova/Paulo Fiúza (AR/PT) N° 309 MINI ALL4 Racing. Monster Energy X-raid Team Krzysztof Holowczyc/Konstantin Zhiltsov (PL/RU) N° 314 MINI All4 Racing. X-raid Team Vladimir Vasilyev/Vitaliy Yevtyekhov (RU/RU) N° 317 MINI All4 Racing. X-raid Team Boris Garafulic/Gilles Picard (CL/FR) N° 319 MINI ALL4 Racing. X-raid Team Zhou Yong/Pan Hong Yu (CN/CN) N° 330 MINI ALL4 Racing. X-raid Team Federico Villagra/Jorge Perez Companc (AR/AR) N° 332 MINI ALL4 Racing. X-raid Team Martin Kaczmarski/Filipe Palmeiro (PL/PT) N° 337 MINI ALL4 Racing. X-raid Team Stephan Schott/Holm Schmidt (DE/DE)
  18. Alessandro Zanardi torna al volante con BMW Motorsport. Avvio del ROAL Motorsport nella Blancpain GT Series Monaco di Baviera (DE), 21 gennaio 2014. La leggenda è tornata: Alessandro Zanardi (IT) tornerà ufficialmente a gareggiare nel 2014, e si batterà nuovamente in pista per la BMW Motorsport. Zanardi correrà nella Blancpain GT Series al volante di una BMW Z4 GT3, appositamente modificata per le sue esigenze speciali e gestita dal team ROAL Motorsport. Il 47enne perse entrambe le gambe in un grave incidente durante una gara nel 2001, ma ha superato la sua disabilità per tornare alle corse. Tra le altre cose, Zanardi ha gareggiato per BMW nel FIA World Touring Car Championship (WTCC), dove ha conquistato il gradino più alto del podio in ben quattro occasioni. Dopo aver vinto due medaglie d’oro sulla sua handbike alle Paralimpiadi di Londra (GB) nel 2012 e superato un test sulla BMW M3 DTM lo stesso anno, è ora pronto per disputare una stagione completa con BMW, per la prima volta dal 2009. “Alex è tornato! Non posso esprimere quanto io sia felice che uno dei più grandi eroi della storia di BMW Motorsport stia tornando a gareggiare con una delle nostre auto da corsa”, ha dichiarato il Direttore di BMW Motorsport Jens Marquardt. “Alex è un esempio per tutti noi, da un punto di vista sia sportivo che umano. Sono sicuro che affronterà questa nuova sfida della Blancpain GT Series con la stessa grinta che ha sempre mostrato. Si avverte realmente quanto gli sia mancato gareggiare su quattro ruote. Modificare la BMW Z4 GT3 è una sfida per i nostri ingegneri. Tuttavia, la preziosa esperienza acquisita quando abbiamo modificato la BMW M3 DTM nel 2012 tornerà utile. Per quanto ci riguarda, non c’è nulla che possa impedire ad Alex di tornare a gareggiare con successo”. Lo stesso Zanardi non vede l’ora di rientrare sulla scena dello sport motoristico: “Anche dopo aver lasciato l’attività sportiva nel 2009, nel cuore sono rimasto un pilota”, ha affermato. “Quando sono sceso in pista con la BMW M3 DTM alla fine del 2012, ho provato di nuovo una forte emozione. Da quel momento ho accarezzato l’idea di tornare alle corse automobilistiche. Insieme a BMW abbiamo preso in considerazione varie opzioni, e sono contentissimo di tornare con i miei vecchi amici del ROAL Motorsport. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare a BMW per questa opportunità davvero unica”. Zanardi gareggiò nel team dell’ex campione del BMW DTM Roberto Ravaglia (IT) nel FIA European Touring Car Championship (ETCC) quando fece il suo primo ritorno nel 2003. A quell’epoca, una BMW 320i fu adattata alle sue particolari esigenze, poiché Zanardi accelera con la mano. Il campione del ChampCar 1997 e 1998 ha gareggiato con successo nel WTCC dal 2005, ottenendo quattro vittorie a Oschersleben (DE), Istanbul (TR) e Brno (CZ, due vittorie). Zanardi e il ROAL Motorsport si separarono alla fine della stagione 2009. “Io e Alex abbiamo condiviso molto nello sport motoristico. Perciò, non ho esitato un attimo quando si è presentata l’occasione di farlo rientrare in azione al ROAL Motorsport 2014”, ha affermato Ravaglia. “Gli sprint della Blancpain GT Series sono fatti su misura per Alex. Faremo tutto quanto in nostro potere per consegnargli un’auto competitiva, con cui possa ripetere le performance e i successi conseguiti in passato”. La stagione 2014 della Blancpain GT Series prevede sia gare endurance che sprint. Zanardi sarà alla guida di una delle due BMW Z4 GT3 ROAL Motorsport in sei delle sette gare sprint, ognuna della durata di un’ora. Calendario della Blancpain GT Sprint Series 2014 21 aprile 2014 Nogaro (FR) 18 maggio 2014 Brands Hatch (GB) 6 luglio 2014 Zandvoort (NL) 24 agosto 2014 Bratislava (SK) 5 settembre 2014 Portimão (PT) 19 ottobre 2014 Zolder (BE) 2 novembre 2014 Baku (AZ)
  19. Entusiasmante sin dall’inizio. La nuova BMW Serie 1 M Coupé Anche nel segmento della BMW Serie 1 la lettera M diverrà il simbolo di superiorità nell’erogazione di potenza e nel dinamismo di guida di un’automobile sportiva high-performance. Nella BMW Serie 1 M Coupé la tecnologia di un’automobile ad alte prestazioni combinata all’agilità e alla leggerezza di un modello compatto offre una dimensione nuova di piacere di guida ad ispirazione fortemente sportiva. Presentando la due porte, la BMW M GmbH introduce per la prima volta in questa classe automobilistica un’automobile con il dna di una vettura da corsa adatta anche alla guida giornaliera. La nuova BMW Serie 1 M Coupé amplia nuovamente la gamma di modelli della Casa di Monaco e vuole proporre la caratteristica esperienza di guida in un’automobile M anche a target-group nuovi, come la fascia di clienti più giovani. La BMW Serie 1 M Coupé si presenta come un concentrato dell’inconfondibile M-feeling. Il suo motore sei cilindri in linea con M TwinPower Turbo e iniezione diretta di benzina eroga la propria potenza di picco di 250 kW/340 CV offrendo le tipiche caratteristiche di andamento del numero di giri delle automobili M. La tecnica dell’assetto è derivata direttamente dal mondo della gare; un rapporto peso/potenza ridotto a 4,4 chilogrammi per CV e dei componenti aerodinamici ottimizzati con la massima cura, tra i quali le innovative Air Curtain sul modulo frontale della vettura, assicurano un’affascinante conversione dell’enorme coppia motrice in un’entusiasmante dinamica di guida. La BMW Serie 1 M Coupé accelera da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi e raggiunge la soglia dei 200 km/h dopo 17,3 secondi. La vettura marca anche una serie di primati di efficienza nel proprio segmento. Il consumo medio di carburante è di 9,6 litri per 100 chilometri nel ciclo di prova UE, il valore di CO2 è di 224 grammi per chilometro. Il dna sportivo della BMW Serie 1 M Coupé trova la propria espressione anche nel design atletico della scocca. Nell’abitacolo, l’allestimento esclusivo della quattro posti, dei materiali pregiati e un tipico cockpit M creano l’ambiente di un’automobile sportiva premium. Nella sua configurazione di serie la BMW Serie 1 M Coupé offre il tipico equilibrio che caratterizza tutte le automobili M e considera sia le sollecitazioni estreme durante la guida sul circuito che le numerose sfide del traffico giornaliero. Grazie a una selezione specifica dalla gamma di optional disponibili per la BMW Serie 1 Coupé, incluso BMW ConnectedDrive, vengono soddisfatte anche le preferenze personali di comfort, di sicurezza e d’infotainment. Design: classiche proporzioni da coupé, design tipico di un’automobile M Le proporzioni dinamiche con le quali la BMW Serie 1 M Coupé anticipa il piacere di guida più esclusivo del segmento di appartenenza costituiscono la base ideale per il look affascinante del primo modello high-performance nella categoria delle vetture compatte. Con una lunghezza dell’automobile di 4 380 millimetri la BMW Serie 1 M Coupé è il modello più corto e, con un’altezza di 1 420 millimetri, contemporaneamente il modello più basso nella gamma della BMW M GmbH. Rispetto alla BMW 135i Coupé la larghezza della vettura è cresciuta di 55 millimetri; il valore di 1 803 millimetri è il risultato e contemporaneamente l’espressione della carreggiata modificata dell’asse anteriore e posteriore che è stata ottimizzata a favore di un incremento del dinamismo di guida. Il design del modulo frontale riflette in modo espressivo l’enorme potenza offerta dalla BMW Serie 1 M Coupé. La minigonna anteriore dal look robusto forma un’ampia superficie liscia, dominata nella sezione inferiore da tre grandi prese d’aria. Per la prima volta in un’automobile di serie, l’ottimizzazione delle proprietà aerodinamiche è stata raggiunta utilizzando delle cosiddette Air Curtain. Grazie a queste aperture nella zona esterna della minigonna anteriore, l’aria aspirata viene condotta in due canali chiusi. Questi canali hanno una configurazione che convoglia il flusso d’aria lungo il lato interno della minigonna fino ai passaruota; all’uscita il flusso viene deviato ad alta velocità attraverso un’apertura molto stretta situata vicino ai fianchi esterni delle ruote. Il flusso d’aria fuoriuscente forma una specie di tendina davanti alle ruote anteriori, riducendo così nella zona dei passaruota i vortici d’aria che avrebbero un influsso negativo sull’aerodinamica. La BMW Serie 1 M Coupé è equipaggiata di serie con luci bixeno. I tipici doppi proiettori del marchio sono tagliati nella zona superiore da una striscia di luci alimentate da unità LED che formano lo sguardo concentrato della BMW Serie 1 M Coupé. Nella vista di profilo, la leggerezza del padiglione, la robusta linea di rinforzo lungo le portiere e le superfici modellate con cura descrivono l’agilità e la sportività controllabile della vettura. Sia davanti che dietro l’attenzione cade sui passaruota fortemente bombati della due porte. Una caratteristica delle vetture M è l’esecuzione particolarmente allungata dell’elemento cromato a branchia sul passaruota anteriore che accoglie sia il lampeggiatore di direzione che il logo del marchio M, formando inoltre il punto di origine della linea caratteristica che scorre dall’apriporte fino alla coda. Vicino all’elemento a branchia si evolve un bordo acuto verticale che termina nel longherone laterale sottoporta. Anche il design degli specchietti retrovisori esterni è il risultato di un lavoro di precisione eseguito nella galleria del vento. La loro forma di base è identica a quella della BMW M3. I passaruota bombati lasciano apparire molto larga la coda della BMW Serie 1 M Coupé . Una serie di linee orizzontali intensificano questa impressione. Nella guida ad alte velocità, sul cofano del bagagliaio un labbro dello spoiler solo accennato produce una maggiore deportanza sull’asse posteriore. Nello spoiler posteriore sono state ricavate delle aperture laterali che riprendono il disegno delle prese d’aria della minigonna anteriore. La tipica simmetria stilistica delle vetture M viene assicurata da doppi terminali di scarico tondi montati alle due estremità posteriori dell’automobile. Delle luci posteriori a L con coperchi rossi generano il classico design notturno del marchio. All’interno dei gruppi ottici, due nastri luminosi alimentati da unità LED formano la luce posteriore. Per la BMW Serie 1 M Coupé sono disponibili le vernici esterne Alpinweiß pastello, Saphirschwarz metallizzato e l’esclusiva variante di colore Valencia Orange metallizzato. I cerchi in lega M di serie da 19 pollici con styling a raggi Y assicurano un contatto perfetto con il fondo stradale e un look fortemente espressivo. Motore sei cilindri in linea con M TwinPower Turbo e caratteristiche di potenza orientate al regime motore La generazione dell’enorme dinamica di guida della BMW Serie 1 M Coupé avviene attraverso un motore sei cilindri in linea dalla potenza eccellente, dalla briosità entusiasmante e dalla spinta di lunga durata. Il propulsore da 3,0 litri combina le caratteristiche prestazionali dei motori M con un’efficienza moderna. Il propulsore è stato sottoposto a una serie d’interventi di modifica per trasformarlo in un motore M e soddisfare così tutti i criteri di utilizzo, sia nella guida di ogni giorno che sul circuito. Il risultato: con una potenza di 250 kW/340 CV il motore la BMW Serie 1 M Coupé raggiunge quasi esattamente il livello di potenza della BMW M3 della terza generazione; a livello di dinamica di guida, l’atleta compatto supera nettamente il modello sostituito appena alcuni anni fa. La tecnologia M TwinPower Turbo utilizzata nella BMW Serie 1 M Coupé è composta da due compressori di dimensioni relativamente piccole. Grazie alla loro coppia d’inerzia contenuta, essi entrano in azione già a regimi motore bassi, approvvigionando ognuno dei tre cilindri con dell’aria compressa. Il risultato è una rapidità di risposta straordinaria. Già a 1 500 g/min il motore eroga la coppia massima di 450 Newtonmetri che mette a disposizione fino a 4 500 g/min; grazie alla funzione di Overboost, a pieno carico la coppia è potenziabile di altri 50 Newtonmetri. Il valore massimo di 500 Newtonmetri permette di eseguire delle accelerazioni particolarmente dinamiche. La spinta disponibile dopo ogni cambio-marcia assicura la tipica progressione lineare delle vetture M. Il propulsore raggiunge la propria potenza di picco a 5 900 g/min. Grazie a queste caratteristiche di potenza orientate al regime motore, il sei cilindri si posiziona come un tipico propulsore high-performance M. La BMW Serie 1 M Coupé accelera da 0 a 100 km/h in solo 4,9 secondi; la progressione viene limitata da un intervento della gestione motore a 250 km/h. Il sistema di raffreddamento del propulsore tiene conto sia dello straordinario potenziale di performance che dei criteri severi che deve soddisfare un motore dal quale viene richiesto permanentemente un alto carico. Un radiatore ad acqua supplementare e dei condotti dell’aria speciali tengono conto dell’elevato carico termico che si può manifestare per esempio durante la guida sportiva sul circuito. L’elevato rendimento del motore è anche il risultato dell’iniezione diretta di benzina che consente un approvvigionamento di carburante dosato con la massima precisione attraverso gli iniettori piezoelettrici montati centralmente tra le valvole. Inoltre, una serie d’interventi di BMW EfficientDynamics, come la Brake Energy Regeneration e i gruppi secondari controllati in base al fabbisogno reale, contribuiscono a limitare il consumo medio di carburante misurato nel ciclo di prova UE a 9,6 litri per 100 chilometri e il valore di CO2 a 224 grammi per chilometro. Nella BMW Serie 1 M Coupé la coppia motrice viene trasmessa da un cambio manuale a sei rapporti. Il cambio sviluppato ex novo viene comandato con una leva M particolarmente corta. Tecnica di assetto: peso leggero, alta resistenza La BMW Serie 1 M Coupé è dotata di un assetto con componenti disegnati dalla BMW M GmbH nell’ambito di un processo di sviluppo orientato alle caratteristiche che deve soddisfare una vettura da corsa. Numerosi componenti centrali erano stati costruiti originariamente per la BMW M3 e vengono utilizzati nella Coupé ad alte prestazioni in una versione appositamente modificata. Nella taratura dell’assetto, che è stata eseguita assolvendo anche numerosi giri di prova sul Nordschleife del Nürburgring, è stata ottimizzata anche l’interazione tra motore, autotelaio e scocca, così da ottenere le tipiche caratteristiche finali di una vettura M in un’automobile dal peso di solo 1.495 chilogrammi. Sia l’asse anteriore a doppio snodo che l’asse posteriore a cinque bracci della BMW Serie 1 M Coupé sono realizzati quasi interamente in alluminio. Le barre stabilizzatrici in costruzione tubolare, i bracci in alluminio fucinato e gli ammortizzatori in alluminio completano il concetto di costruzione leggera delle sospensioni delle ruote. Di serie: blocco variabile del differenziale M, freni Compound, DSC con M Dynamic Mode, Servotronic La BMW Serie 1 M Coupé è equipaggiata di serie con un blocco variabile del differenziale M. In caso di necessità, il sistema forma una coppia di bloccaggio variabile che può raggiungere anche il 100 percento, assicurando così la trazione ottimale su tutti i fondi stradali. Il blocco variabile del differenziale M reagisce a differenze del numero di giri tra la ruota posteriore destra e quella sinistra e trasferisce la coppia motrice in frazioni di secondo da una ruota all’altra. Anche in presenza di forti differenze del coefficiente di attrito tra la ruota posteriore destra e quella sinistra è sempre assicurato il massimo livello di trazione e di forza motrice. Il principio di un blocco variabile del differenziale M che varia il bloccaggio a seconda del regime di rotazione del motore supporta le qualità dinamiche della trazione posteriore sia su fondi stradali scivolosi che nell’accelerazione all’uscita da una curva. L’impianto frenante Compound ad alte prestazioni della BMW Serie 1 M Coupé manifesta la propria affidabilità anche in presenza di sollecitazioni estreme e si distingue inoltre per un peso particolarmente leggero. Il principio costruttivo dell’impianto frenante derivato dallo sport automobilistico assicura dei valori di decelerazione eccellenti e una maggiore resistenza termica. I dischi in ghisa grigia autoventilati dal diametro di 360 mm davanti e di 350 millimetri dietro sono uniti alla tazza del freno in alluminio attraverso degli spinotti in acciaio inox. Grazie alla separazione coerente delle funzioni di motore e di sterzo, anche nella BMW Serie 1 M Coupé la trasmissione di potenza alle ruote posteriori forma la base ideale per realizzare un‘entusiasmante dinamica di guida. Lo sterzo a pignone e cremagliera è dotato di una servoassistenza idraulica che regola il proprio intervento di supporto in base alla velocità. La regolazione della stabilità di guida DSC (Dynamic Stability Control) della BMW Serie 1 M Coupé comprende il sistema antibloccaggio (ABS), una regolazione antislittamento (ASC), l’assistente di frenata Dynamic Brake Control (DBC), un’assistente di partenza, il Cornering Brake Control (CBC), la compensazione del fading e la funzione freni asciutti. Sul bagnato o su fondi stradali scivolosi l’intervento tempestivo del sistema di stabilità di guida contribuisce a evitare un sovrasterzo. In alternativa allo stato di esercizio normale il guidatore può premere un tasto del cruscotto e attivare l’M Dynamic Mode (MDM) che aumenta le soglie d’intervento della regolazione della stabilità di guida. In questo modo viene facilitato l’avviamento sulla neve o sulla sabbia. L’MDM permette anche un dinamico sovrasterzo controllato. Esclusivi e tipici delle vetture M: interni con ambiente da automobile sportiva Già al momento di partenza il guidatore prova immediatamente l’inconfondibile M-feeling: questo lo deve all’esclusivo allestimento degli interni. Il tipico cockpit M e un concetto particolare per i colori e i materiali impiegati nell’abitacolo creano l’ambiente classico di un’automobile sportiva. I sedili sportivi di serie in pelle Boston offrono al guidatore e al passeggero un’ottima tenuta laterale anche nella guida altamente dinamica in curva. Il design realizzato in esclusiva per la BMW Serie 1 M Coupé comprende dei sedili con cuscini di seduta e schienali neri e cuciture decorative nel colore di contrasto arancione e un logo M goffrato sul davanti dei poggiatesta. Come in tutte le vetture sportive, gli interni sono tenuti essenzialmente in tinte scure che promuovono la concentrazione del guidatore sulla strada. Nella BMW Serie 1 M Coupé ciò viene realizzato attraverso il cielo del tetto BMW Individual colore antracite, l’esecuzione esclusiva delle modanature e dei pannelli interni delle porte e la palpebra del cockpit in Alcantara scuro. Questi elementi di design sono abbelliti da cuciture decorative arancioni, analogamente al soffietto della leva del cambio e del freno di stazionamento. Un poggiapiede M e un battitacco M completano l’allestimento esclusivo degli interni. Il controllo perfetto della vettura viene assicurato anche dal cockpit M disegnato appositamente per la BMW Serie 1 M Coupé. La strumentazione combinata è composta da un quadrante grigio per il contagiri e da un indicatore di velocità con una scala fino al valore di 300 km/h, delle lancette rosse e un’illuminazione bianca della scala. Il volante in pelle M di serie è dotato di tasti multifunzione per il comando dei sistemi audio e di telefono. Inoltre, sulla razza destra del volante è a disposizione il tipico tasto M per caricare un setup della vettura particolarmente sportivo. Questa configurazione inserisce una linea caratteristica della gestione motore fortemente sportiva. La risposta ai comandi dell’acceleratore avviene ancora più rapidamente. Ricco equipaggiamento di serie, raffinati optional e offerte innovative di BMW ConnectedDrive Oltre alle dotazioni M e agli equipaggiamenti che influenzano direttamente l’esclusiva esperienza di guida nell’automobile sportiva ad alte prestazioni, la BMW Serie 1 M Coupé offre un ricco equipaggiamento di serie che ne sottolinea il carattere premium. Le praticità del concetto della due porte si manifesta nei quattro sedili, in un livello di comfort adatto a superare anche delle lunghe distanze e in un bagagliaio dalla capacità di 370 litri. Grazie a numerosi optional innovativi e unici nel segmento di appartenenza, è possibile soddisfare le più varie richieste di comfort. Oltre all’impianto di climatizzazione e alla regolazione di velocità, sono stati montati a bordo di serie anche il sistema audio BMW Radio Business con lettore di CD adatto a riprodurre anche il formato MP3 e sei altoparlanti. Come optional sono disponibili un climatizzatore automatico a due zone, il Comfort Access, il sensore pioggia, retrovisori interno ed esterni autoanabbaglianti, il sistema Harman Kardon Surround Sound e il sistema di navigazione Professional con memoria a disco rigido. Quando la BMW Serie 1 M Coupé viene ordinata con il navigatore, è dotata del sistema di comando iDrive che consente di gestire l’infotainment, le funzioni di navigazione e di comunicazione attraverso il Controller e il Control Display da 8,8 pollici. La gamma di offerte elaborate nell’ambito della strategia di sviluppo BMW ConnectedDrive comprende i sistemi di assistenza del guidatore Adaptive Light Control e High Beam Assistant, così come il Park Distance Control con sensori integrati nella coda della vettura. Oltre all’accesso illimitato a internet, BMW ConnectedDrive consente anche di usufruire una serie di servizi basati su internet per ottimizzare le funzioni di navigazione e di entertainment. In combinazione con il sistema di navigazione Professional e la predisposizione per il telefono cellulare, per la BMW Serie 1 M Coupé sono disponibili delle tecnologie innovative per integrare i telefoni cellulari e i music-player. Grazie a una nuova tecnologia d’interfaccia, l’ultima generazione dell’Apple iPhone e dell’Apple iPod touch sono gestibili attraverso il menu di iDrive. L’ultimo complemento delle funzioni di ufficio mobile sviluppate nell’ambito di BMW ConnectedDrive è la possibilità agli utenti di uno smartphone BlackBerry del produttore di telefoni mobili RIM (Research in Motion) di visualizzare messaggi di e-mail via Bluetooth al monitor di bordo della BMW Serie 1 M Coupé. Dati tecnici BMW Serie 1 M Coupé Diagrammi di coppia e di potenza Dimensioni esterne e interne Foto ufficiali e documentazione estesa (PDF): http://cid-db274a31ae2525c1.photos.live.co...e-1-M-Coupe-E82
×